Configurazione sicura per Android

Configurazione professionale di Android AOSP senza i servizi proprietari di Google

Installazione di una versione di Android completamente open source e che sostituisce tutti i servizi di Google con quelli erogati da un tuo server privato

 

 

Android è il sistema operativo per dispositivi mobili più utilizzato al mondo. Quasi tutti lo utilizzano con estrema leggerezza senza dare importanza alla profilazione fatta da Google.

Ogni volta che si sincronizza calendario, rubrica, fotografie e dati personali sui servizi di Google, viene fatta una sistematica profilazione dell'utente e delle sue abitudini.

Si è addirittura constatato che Google traccia la posizione GPS degli utilizzatori di smartphone Android anche quando questi disattivano il GPS del telefono.

Per risolvere questi problemi basta installare una versione AOSP di Android, completamente open source, senza installare i servizi proprietari di Google (le famose GApps) che volendo possono essere sostituiti da un proprio sever privato.

In questo modo si eliminano in un solo colpo problemi di privacy, di batteria, di prestazioni e di obsolescenza programmata.

Privacy e sicurezza: la profilazione sarà un ricordo

Con una versione di Android AOSP senza i servizi di Google si utilizzerà solo il buono di Android senza i pesanti ed intrusivi servizi pensati per tracciare e profilare gli utenti senza badare alla loro privacy.

Il telefono non richiede più alcun account Google e può essere utilizzato in due modi: completamente in locale o interfacciato con un proprio server privato.

Utilizzandolo completamente in locale tutti i dati verranno salvati solo ed esclusivamente sulla memoria del telefono.

Utilizzandolo con un server privato ospitato in casa propria i dati verranno salvato sulla memoria del telefono e sincronizzati sul proprio server privato nello stesso ed identico modo di come accadeva con i servizi di Google. La differenza è che ora i dati restano solo i tuoi e nessuno può analizzarli per profilarti.

Migliori prestazioni e migliore durata della batteria

I servizi di Google per effettuare una continua e dettagliata profilazione dell'utente utilizzano molte risorse di sistema e di conseguenza consumano molta batteria.

Basta dare uno sguardo alle statistiche di risorse e batteria utilizzate da Google Play Services per rendersene conto. E questo è solo uno dei servizi.

Inoltre questi servizi diventano sempre più pesanti ad ogni aggiornamento rendendo spesse volte inutilizzabili dei telefoni che hanno addirittura hardware superiore a molti dei Personal Computer domestici e così costringono a dover addirittura acquistare un nuovo telefono ancora più potente.

Va da se che eliminando i servizi di Google si risolvono contemporaneamente tutti i problemi di cui sopra: il telefono ritorna ad essere performante con una durata della batteria mai vista prima.

Aggiornato sempre alla versione più recente

Installando una versione di Android AOSP non solo il telefono non avrà più problemi di prestazioni e batteria, ma lo si potrà aggiornare quasi sempre all'ultima versione di Android disponibile.

Da ora in poi cambierai veramente il telefono quando vorrai, non sarai più costretto a cambiarlo a causa delle pessime prestazioni, della poca durata della batteria o perché il telefono non riceve più aggiornamenti.

L'obsolescenza programmata sarà solo un lontano ricordo.

 

Android è un sistema operativo open source per dispositivi mobili sviluppato tramite l'Android Open Source Project sotto la guida di Google. L'Android Open Source Project risale al 2007 quando Google per entrare nel mercato mobile decise di creare un progetto open source in modo da coinvolgere molti dei più grandi produttori di smartphone nella diffusione de suoi servizi, nacque così la Open Handset Alliance, un consorzio di aziende il cui scopo era portare contributi innovativi nel campo della telefonia cellulare ma che a conti fatti serve esclusivamente alle aziende che ne fanno parte ad  avere liberamente accesso al codice sorgente di Android sviluppato da Google ed a poter utilizzare sui propri dispositivi l'intero ecosistema di applicazioni proprietarie Google (GApps). Chi non fa parte dell'Open Handset Alliance può utilizzare lo stesso i sorgenti dell'Android Open Source Project ma non può avere accesso ai servizi ed alle applicazioni Google.

Nel dettaglio quindi quando acquistiamo un dispositivo Android non abbiamo un dispositivo realmente open source ma un dispositivo che utilizza in parte codice open source ed in parte codice proprietario. E questo non sarebbe un male se le applicazioni proprietarie non facessero operazioni che non sono sotto il diretto controllo dell'utente. Di open source ci sono il kernel Linux ed Android che Google sviluppa ormai in totale autonomia ma del quale rilascia fortunatamente il codice sorgente in qualità di software libero. Di proprietario invece ci sono tutte le applicazioni che servono a garantire le funzionalità base di uno smartphone, come il browser, il calendario, la rubrica, il riproduttore musicale, il navigatore, il sistema di geolocalizzazione ad "alta precisione", il market e tutte le altre applicazioni direttamente collegate ai servizi Google. Inizialmente non era così, queste applicazioni erano libere ma nel 2010 Google ha iniziato a sostituire le versioni libere di queste applicazioni con le versioni proprietarie e così AOSP Browser è stato rimpiazzato da Google Chrome, AOSP Contacts è stato rimpiazzato da Google Contacts, AOSP Calendar è stato rimpiazzato da Google Calendar, AOSP Search è stato rimpiazzato da Google Search prima e Google Now dopo, AOSP Music è stato rimpiazzato da Google Play Music, AOSP Videos è stato rimpiazzato da Google Play Videos, AOSP Keyboard è stato rimpiazzato da Google Keyboard, AOSP Camera è stato rimpiazzato da Google Camera ed i Google Play Services sono diventati sempre più invasivi.

L'obiettivo di Google è palesemente quello di legare e vincolare gli utenti Android all'utilizzo dei sui servizi in modo da fare una profilazione sempre più completa, il backup va sui server Google, i contatti vanno sui server Google, il calendario va sui server Google, l'assistente vocale registra le abitudini degli utenti sui server Google, la navigazione GPS avviene online tramite i server Google, la geolocalizzazione ad alta precisione tramite le reti wifi avviene tramite i server Google (si, Google conosce la posizione precisa dei router WiFi * ) e Google traccia gli spostamenti di tutti i suoi utenti anche se disattivano la geolocalizzazione. Tutto questo non fa paura?

Purtroppo queste funzionalità che sembrano così gentilmente offerte da Google non sono gratuite e le paghiamo a caro prezzo con i nostri dati più privati. Se è gratis il prodotto sei tu, ed infatti Google ti conosce meglio di te stesso. Questa potrebbe sembrare solo filosofia, ma non lo è, è un rischio mettere così tante informazioni personali nelle mani di una multinazionale come Google poiché non conosciamo che uso ne viene realmente fatto, sicuramente Google analizza in qualche modo i Big Data frutto della profilazione dei suoi utenti ed estrae informazioni che non ci è dato sapere come vengono utilizzate e monetizzate; Sono vendute a Governi? Sono vendute a partiti politici? Sono vendute ad aziende? Ufficialmente Google utilizza queste informazioni solo a scopi di advertising ma dubitarne è lecito (lo scandalo di Facebook e Cambridge Analytica insegna).

Intanto negli USA le informazioni estratte dai Big Data vengono processate da algoritmi che consentono di calcolare il tasso di recidività di una persona ed in base a queste analisi vengono inflitte pene più o meno severe. Sempre negli USA le informazioni ottenute dalla profilazione effettuata su Facebook da Cambridge Analytica sono state utilizzate nella campagna elettorale di Trump. In Gran Bretagna le informazioni ottenute dalla profilazione effettuata su Facebook da Cambridge Analytica sono state utilizzate nella campagna per il referendum pro Brexit. In Cina invece si sta addirittura mettendo a punto un Sistema di Credito Sociale che classificherà i cittadini con un punteggio ottenuto dall'analisi di Big Data e che è già stato usato per negare a persone con "punteggi bassi" il diritto di comprare voli domestici, per escludere alcune persone ed i loro figli da certe scuole, proibire a coloro che hanno un punteggio basso di affittare camere d'albergo, di usare carte di credito, e per inserire in una lista nera alcuni individui per fare sì che non possano trovare lavoro.

Oltre a queste problematiche inerenti la privacy e alle possibili implicazioni che ne derivano ci sono problematiche anche più tangibili e concrete strettamente legate alla longevità dei dispositivi Android, alle loro prestazioni ed alla durata della batteria. Un telefono Android diventa obsoleto nel giro di un paio di anni a causa della mancanza di aggiornamenti rilasciati dai produttori, la sua batteria dura sempre meno e le sue prestazioni si degradano velocemente a causa dei servizi di Google sempre più pesanti ed a causa delle applicazioni presenti sul Google Play Store che sono piene zeppe di pubblicità e che spesse volte si rivelano essere malware o trojan.

I dispositivi Apple e Microsoft non sono ovviamente da meno, anche loro profilano gli utenti e diventano velocemente obsoleti.

Nonostante tutto i dispositivi Android sono ancora i migliori per il solo ed unico motivo che su di essi è possibile installare versioni di Android regolarmente aggiornate e completamente libere dai servizi di Google, tutte le applicazioni proprietarie di Google sono sostituite da applicazioni migliori e completamente open-source che non spiano i propri utenti e che non fanno nulla a loro insaputa. In questo modo è possibile tenere sempre aggiornati i propri dispositivi Android, liberi da applicazioni che effettuano profilazione e che consumano inutili risorse e batteria. Il telefono diventa molto più efficiente e la batteria dura molto di più.

Un dispositivo Android libero dai servizi di Google può funzionare completamente in locale ed in questo modo contatti, calendario, foto e  video verranno salvati solo ed esclusivamente sul telefono. Ma un dispositivo Android libero dai servizi di Google può anche essere configurato in maniera avanzata in accoppiata con un proprio server privato che possa offrire in totale sicurezza e senza profilazione i servizi di backup automatico di contatti, calendario, foto e video, e persino un servizio di geolocalizzazione del proprio dispositivo per ritrovarlo in caso di furto o smarrimento. Le tue informazioni resteranno solamente tue!!!

Possiamo liberare il tuo dispositivo Android dai servizi di Google e ridare alla tua vita la privacy che merita ed al tuo dispositivo una nuova vita, nessuno ti spierà più e potrà più appropriarsi in maniera illecita dei tuoi dati ed il tuo dispositivo avrà prestazioni migliori ed una più lunga durata della batteria.

Installiamo il miglior OS Android per il tuo dispositivo scegliendo tra Replicant, Omnirom, LineageOS e Cyanogenmod.

In base alle tue necessità possiamo configurare il dispositivo per funzionare completamente in locale o insieme ad un tuo server privato.

Funzionando completamente in locale il tuo dispositivo salverà contatti, calendari, foto e video solo ed esclusivamente sulla sua memoria di massa.

Funzionando in accoppiata col tuo server privato il tuo dispositivo salverà contatti, calendari, foto e video sulla sua memoria di massa e sul tuo server privato. Sarà inoltre possibile geolocalizzare il tuo dispositivo direttamente dal tuo server privato. In tal caso ci occuperemo quindi non solo di configurare il tuo telefono ma anche di progettare e mettere in funzione il tuo server privato con i servizi necessari: Nextcloud e Open Device Manager.

 

Per maggiori informazioni puoi entrare in contatto con noi, senza il minimo impegno:

Contattaci Fatti Ricontattare